Photo
01
01
02
02
02
02
02
02
02
02
02
02
02
02
02
02
02
02
02
02
02
02
02
02
02
02
02
02
02
02
02
02
02
02
02
02
02
02
02
02
02
02
02
02
02
02
02
02
02
02
02
02
02
02

Ogni fotografia è un racconto

Prima di accorgermi che i miei scatti stavano riscuotendo apprezzamenti, curiosamente ho ricevuto in regalo, da carissime amiche, testi con biografie di noti fotografi e letture sulla “natura” della fotografia.

Leggendo sulla “natura” della fotografia ho trovato affascinanti i seguenti aspetti: il potere delle immagini che i nostri occhi catturano, le suggestioni che agiscono sullo stato emotivo e affettivo, le rappresentazioni che si formano nella mente, l’interpretazione che scaturisce dalla percezione e dalla nuova descrizione della realtà. Tutto ciò ha a che fare con la personale visione del mondo, ciò che fa la differenza tra il timore di non essere o la speranza di essere sufficientemente in grado di affrontare il caos dell’esistenza reale.

Benché lo scatto sia una parola che evoca un atto meccanico, scattare fotografie può essere un atto di estrema creatività. Lo scatto istantaneo è un breve momento immobile che interrompe il flusso del tempo. C’è il prima e il dopo, in mezzo c’è un racconto. Nel racconto c’è molto di autobiografico. Ogni fotografia è un racconto. I racconti aiutano a vivere meglio, a raggiungere una versione migliore di noi stessi.